If you are looking for a reliable best proxy hosting you should read hosting reviews on web hosting review sites.

Un risotto ai carciofi casalingo

Stampa
Valutazione attuale:  / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Sergio Rossi Visite: 3231

Fra un risotto e un buon risotto c’è una bella differenza, che conosce bene chi sa preparare questo piatto a un buon livello. La ricetta che segue è, per così dire, casalinga, cioè semplice anche se non velocissima.
Si comincia col preparare un brodo vegetale, mettendo in acqua fredda salata un poco di sedano, carota e cipolla e lasciando andare finché le verdure abbiano ceduto il sapore; chi preferisce può usare direttamente un dado vegetale.

Brodo

Nel frattempo si prendono 3/4 bei carciofi, si puliscono a dovere, avendo cura di rimuovere anche tutto il “piumino” interno, e si tagliano a fettine sottili. È importante ricordare che se i gambi sono belli hanno un’anima centrale eccellente, che quindi va usata.
Quando si sarà effettuata la pulizia dei carciofi, ci si accorgerà che alcune parti marginali, seppur ottime, messe nel risotto potrebbero rimanere più dure a fine cottura. Per questa ragione, e anche seguendo una semplice regola di economia domestica, noi abbiamo scottato in acqua e frullato questi ritagli, per poi unirli al risotto in cottura.
Si prepara, infine, un trito di aglio e prezzemolo che si fa saltare in casseruola con olio extra vergine d’oliva.

Risotto ai carciofi

Si aggiungono quindi i carciofi,

Risotto ai carciofi

e poco dopo si mette il riso, che noi abbiamo calcolato in circa due pugnetti a persona.

Risotto ai carciofi

A seguire si aggiunge il frullato delle parti meno tenere

Risotto ai carciofi

si dà una mescolata

Risotto ai carciofi

Lo si lascia scottare un poco, sempre mescolando con un cucchiaio di legno, e si comincia ad aggiungere il brodo.

Risotto ai carciofi

Il risotto deve cuocere in un composto ben umido ed è perciò importante controllare sempre la consistenza, aggiungendo altro brodo quando l’insieme risultasse asciutto.

Risotto ai carciofi

Dopo circa quindici minuti da quando si è messo il riso, è bene controllarne la cottura in modo da decidere quando sarà il momento di spegnere il fuoco. Durante gli assaggi occorrerà anche controllare il sale aggiungendo il necessario, dato che solo il brodo sarà stato salato. Infine si passerà alla mantecatura, aggiungendo un pezzo di burro

Risotto ai carciofi

e abbondante parmigiano e mescolando infine con attenzione.

Risotto ai carciofi

E il vostro risotto sarà pronto da servire.

Risotto ai carciofi
Copyright © 2018 La civiltà della forchetta. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Joomla 1.7 Templates designed by Reseller Hosting Reviews