If you are looking for a reliable best proxy hosting you should read hosting reviews on web hosting review sites.

Tuccu de mazin (sugo di prugnoli)

Stampa
Valutazione attuale:  / 3
ScarsoOttimo 
Scritto da Sergio Rossi Visite: 3230

Ingredienti:

12 funghetti (vedi foto; 100/150 gr. circa)
Un decilitro d’olio extravergine d’oliva
Una cipolla piccola
Due spicchi d’aglio
Un ciuffetto di rosmarino
2/3 cucchiai di concentrato di pomodoro
Una presa di sale

Pulire e lavare bene i funghi anche aiutandosi con uno spazzolino; tritarne la metà con una mezzaluna e affettare i rimanenti. Nel frattempo mettere al fuoco una casseruolina di terracotta, versare l’olio e fare riscaldare. È sempre bene proteggere il fondo della pentola con un’apposita retina d’acciaio, che attenua gli effetti del contatto diretto con la fiamma viva.
Tagliata la cipolla a piccoli pezzi, la si mette in pentola per circa 15 minuti a fuoco lento, lasciando che appassisca a dovere. Quindi si aggiungono i funghi, si dà una girata con un cucchiaio di legno, si aggiusta di sale e poco dopo si mette l’aglio e rosmarino precedentemente tritato. Si gira ancora e si lascia andare per uno, due minuti. A questo punto si mette il concentrato di pomodoro, dosando a piacere. Dopo aver girato ancora il composto, lasciandolo cuocere per due minuti, si aggiunge un bicchiere d’acqua e si mantiene al fuoco per circa 10/15 minuti. A questo punto si spegne; la terracotta manterrà il calore ancora per un po’ e il tuccu terminerà la cottura.
Il sugo di prugnoli è un condimento irraggiungibile e si sposa bene con qualunque pasta. Consiglierei i corzetti stampati, le lasagne o anche i corzetti polceveraschi, quelli a forma di 8, proprio come il numero. Chi non l’ha mai assaggiato rimarrà estasiato!

Copyright © 2018 La civiltà della forchetta. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Joomla 1.7 Templates designed by Reseller Hosting Reviews