Becco nel proverbio: Santi senza becco Natale Poveretto

Stampa
Valutazione attuale:  / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Fiorenzo Toso Visite: 5810

Richiesta di Rossella, Genova

Il proverbio si riferisce all'usanza di mangiare carne di volatile (gallo o gallina) per la festività di Ognissanti, riservando le carni di bovino, suino e ovino per le ricorrenze natalizie, durante le quali era peraltro usanza mangiare anche il cappone. Ovviamente il precetto si riferisce a un'epoca in cui il consumo familiare di carne era limitato a poche occasioni.